Serie Europa 1957

__NOAUTOLINK__
Serie Europa
1956 1958
Soggetti e temi
Tutte le emissioni dell'anno
Emissione Italia


Il soggetto è diverso per ogni stato.

Cept57 1.jpg Cept57 2.jpg

Dal bollettino illustrativo n.30 del 16 settembre 1957

Le amministrazioni postali del Belgio, della Francia, della Germania (Repubblica Federale), dell’Italia, del Lussemburgo e dei Paesi Bassi hanno convenuto di emettere contemporaneamente, il 16 settembre 1957, una serie di francobolli, con «idea unica» e vignetta libera per ciascuno stato, simboleggiante l’Unione Europea come fonte di prosperità e di pace.

L’amministrazione delle Poste e delle Telecomunicazioni d’Italia emetterà una serie di due valori: uno da lire 25 ed uno da lire 60.

La vignetta, dovuta all’Ing. Corrado Mancioli di Roma, rappresenta una grande «E» formata a nastro con i colori delle bandiere delle sei Nazioni facenti parte della Comunità Europea. (...)

Nell’anno trascorso dalla prima emissione dei francobolli celebrativi dell’idea europea, il progresso compiuto sulla via dell’integrazione, per ora tra i sei paesi già uniti tra loro dal vincolo del Trattato istitutivo della Comunità Europea del Carbone e dell’Acciaio ma aperta a tutti gli Stati europei che ne manifestino la volontà e ne accettino le regole democratiche, è sostanziale e quanto mai incoraggiante.

È sostanziale perché sono stati nel frattempo firmati solennemente in Campidoglio, il 25 marzo 1957, quei trattati europei che – costituendo fra gli stessi paesi la Comunità Economica Europea e la Comunità Europea dell’Energia Atomica – ne completano sul piano economico la integrazione orizzontale e dischiudono nuove possibilità nel settore quanto mai promettente della energia nucleare.

È nel contempo quanto mai incoraggiante, perché mai come negli ultimi dodici mesi il problema dell’Europa era stato prima con tanto interesse e profondità dibattuto. Le opinioni pubbliche dei nostri paesi hanno dimostrato con quanto favore la idea dell’unità europea è da esse accolta ed i dibattiti già svoltisi ultimamente nei Parlamenti di alcuni dei sei Stati, hanno non soltanto confermato tale favore, ma dimostrato la decisa volontà dei popoli di realizzare ciò che ancora sino a pochi anni orsono poteva sembrare utopia.

Alla luce di questi recenti avvenimenti, deve essere considerata la nuova emissione di francobolli celebrativi dell’idea europea, decisa dalle Amministrazioni postali dei sei paesi amici. Il nome «Europa» che su di essi figura, non è più soltanto una espressione geografica: è il simbolo di una realtà che la libera volontà dei nostri popoli sta coscientemente creando per un avvenire di pace, lavoro e benessere.