Differenze tra le versioni di "Serie Europa 1961"

m (Emissioni non ufficiali)
 
(Emissioni non ufficiali)
Riga 29: Riga 29:
  
 
[[Immagine:cept61_unofficial_croazia.jpg|border|600px]]
 
[[Immagine:cept61_unofficial_croazia.jpg|border|600px]]
 +
 +
[[Sovrastampa]] non ufficiale su un [[francobollo]] della Mauritania
 +
 +
[[Immagine:cept61_mauritania.jpg|border]]
  
 
[[Categoria: serie Europa|Europa 1961]]
 
[[Categoria: serie Europa|Europa 1961]]

Versione delle 13:30, 13 ott 2014

__NOAUTOLINK__
Serie Europa
1960 1962
Soggetti e temi
Tutte le emissioni dell'anno
Emissione Italia
Emissione San Marino

Il soggetto è comune a tutti gli stati: colomba formata da 19 piccole colombe; tre stati hanno però usato un soggetto diverso:

  • Liechtenstein: Ingranaggi
  • Portogallo: strette di mano
  • San Marino: monte Titano


Cept61 1.jpg Cept61 2.jpg

Dal bollettino illustrativo n.78 del 18 settembre 1961

L'Amministrazione delle Poste e delle Telecomunicazioni ha disposto per il 18 settembre 1961 la consueta emissione di una serie, in due valori, di francobolli ispirati all'Idea Europea. Tali francobolli (sono) a soggetto unico per tutti i paesi della C.E.P.T. che aderiscono alla emissione. (...)

La vignetta, opera dell'artista olandese Theo Kurpershoek, raffigura una sagoma di colomba in volo ottenuta da 19 colombe riunite a volo spiegato.

L'emissione quest'anno della serie ormai tradizionale dei francobolli celebrativi dell'Idea Europea - la sesta per i sei Paesi del M.E.C., la seconda per i 19 Stati aderenti alla Conferenza Europea delle Poste e delle Telecomunicazioni - coincide con una ricorrenza cara a noi italiani: il centenario dell'Unità d'Italia. Una felice coincidenza che, se è ragione di fierezza e di soddisfazione per gli italiani, può rappresentare un motivo di ispirazione, di incoraggiamento e di incitamento per tutti gli europei, tanto più se abbinata a più recenti avvenimenti che rivelano il notevole cammino compiuto dal concetto unitario dell’Europa e il moto accelerato che gli è stato impresso negli ultimi mesi.

Di questi recenti avvenimenti il primo, indubbiamente, per la sua importanza è l’annuncio dato dalla Gran Bretagna della propria decisione di iniziare negoziati per l’ammissione come membro effettivo nelle Comunità Economiche Europee. È un passo decisivo che, se rivoluziona l’indirizzo politico generale dell’Inghilterra negli ultimi 500 anni, si ripercuote al di là dei confini dell’Europa, per la vasta rete di diramazioni d’ogni genere che da tutte le parti del Globo terracqueo fanno capo a Londra e che è interesse del mondo libero mantenere in vita. La precedente associazione della Grecia al M.E.C., la decisione successiva degli altri membri della Zona di Libero Scambio di seguire l’esempio inglese, come la Danimarca, o quello greco, sono altrettanti eventi significativi, in quanto stanno a dimostrare che il raggruppamento degli Stati Europei a Sei e a Sette non era destinato a creare i temuti fossati divisori fra questi e con i restanti paesi liberi del continente, ma era un tappa necessaria, obbligatoria imposta da realtà economiche, sociali, ambientali quali erano state modellate dalle rispettive storie nazionali.

Parallelamente a tale dinamico processo evolutivo verso la costituzione di un unico territorio economico di oltre 300 milioni di abitanti, aventi un comune patrimonio spirituale, un complesso di mezzi , di cognizioni scientifiche e tecnologiche senza pari nel mondo, si è registrato qualche passo avanti nel campo più accidentato della cooperazione politica in seguito alla decisione dei Sei di promuovere le condizioni d’una politica comune, con il fine dichiarato di «dare al più presto possibile un carattere statutario all’unione dei loro popoli».

Sarà questo il primo nucleo degli Stati Uniti d’Europa? È quello che fermamente speriamo. In ogni modo l’avvenire ce lo dirà. Intanto l’idea europea procede, avanza ogni anno. Il francobollo che è stato dalla sua nascita, se non il principale, uno dei più efficaci «veicoli d’idee» creati dal genio umano, può ulteriormente contribuire, anche con la sua immagine simbolica, alla penetrazione capillare dell’Idea nella coscienza dei popoli e, in primo luogo dei giovani, per i quali l’unità dell’Europa – ieri una speranza -, era destinata a diventare, per la fede di grandi europeisti, la certezza che si va oggi profilando.

Emissioni non ufficiali

Emissione del governo croato in esilio. I francobolli riprendono il disegno ufficiale.

Cept61 unofficial croazia.jpg

Sovrastampa non ufficiale su un francobollo della Mauritania

Cept61 mauritania.jpg