Quotazione

Valore attribuito ad un francobollo dai cataloghi in circolazione. È bene fare qualche precisazione: i prezzi di mercato sono sempre inferiori del valore del catalogo; tale valore è indicativo e a volte varia anche di molto da un catalogo all'altro; i prezzi dei singoli francobolli sono spesso sovradimensionati perché tengono conto delle spese fisse di vendita; per i francobolli più vecchi (solitamente già a partire dal 1950) la quotazione varia moltissimo in base alla qualità, alla centratura, alla freschezza ecc..

La quotazione è legata alla richiesta di mercato e non sempre corrisponde alla rarità, esempio lampante può essere la quotazione dei francobolli di Trieste zona A, molto più rari di quelli della repubblica italiana ma molto più economici.

Glo quotazione.jpg