Pacchi postali

Versione del 21 ott 2011 alle 13:43 di Ibollisysop (discussione | contributi) (Italia)
(diff) ← Versione meno recente | Versione attuale (diff) | Versione più recente → (diff)

I francobolli per pacchi postali erano utilizzati per affrancare i pacchi e venivano applicati sui bollettini di spedizione; sono stati emessi fino al 1973; in seguito, i pacchi potevano essere affrancati con comuni francobolli.

Italia

La prima emissione, del 1894, comprendeva francobolli a singola sezione.

Glo pacchi una sezione.jpg

Un bollettino pacchi per l'interno con un francobollo da 50 c.

Dal 1914 in poi furono adottate carte valori a due sezioni che, al momento della spedizione, venivano separate: la prima (sul bollettino) viaggiava insieme al pacco; la seconda veniva applicata alla ricevuta del mittente.

Glo pacchi postali.jpg

Un bollettino pacchi del periodo luogotenenziale per l'estero con veri francobolli per pacchi postali divisi a metà

San Marino

San Marino ha sempre utilizzato francobolli divisi in due sezioni; nel 1928 erano prive di dentellatura tra di loro, mentre a partire dal 1945 sono state dentellate.

Un francobollo dell'emissione del 1928, con le due sezioni non dentellate tra loro
Un francobollo dell'emissione del 1945, con le due sezioni separate dalla perforazione

Città del Vaticano

La Città del Vaticano ha sempre usato francobolli a singola sezione, ottenuti sovrastampando valori ordinari.

Glo pacchi vat.jpg

Vedi anche

Dentellature a mano sui pacchi postali rotocalcografici Pacchi in concessione